Ora esatta.

Anche senza volerlo mi capita di incontrare tanta gente mentre cammino lungo i marciapiedi del mio quartiere popoloso. Persone che generalmente non ho neanche mai visto, perfetti sconosciuti che con normalità se ne vanno per la loro strada, senza prestare alcuna attenzione a chi gira loro intorno. Ed a qualcuno tra quei molti individui che con perfetta indifferenza mi vengono quasi incontro camminando di fretta con la testa persa in chissà quali pensieri, lascio volentieri un cenno di saluto, o anche un sorriso, arrivando in certi casi ad esibirmi addirittura in un modesto inchino, soffermandomi davanti a qualcuno appena per un attimo, anche se è vero che non conosco proprio nessuno di tutti loro. Alcuni con sorpresa nervosamente mi rispondono, altri al contrario tendono ad ignorare assolutamente ogni gentilezza, e tirano di lungo con rinnovata indifferenza, in certi casi mostrando quasi astio.

Qualche volta chiedo in giro anche con una certa insistenza che ore siano, spesso ripetendo varie volte il gesto di battermi il polso dove normalmente si porta l’orologio, nonostante ne abbia sempre in tasca uno precisissimo e di assoluta affidabilità. Ascolto la risposta che mi viene data, e tramite quella valuto subito il carattere e la disponibilità della persona, lasciando correre con un sorriso chi ha fretta o non ha tempo per cose di quel genere, apprezzando infine la gentilezza ed il rispetto dei pochissimi che si fermano anche oltre, e magari parlano con me, mi chiedono qualcosa a loro volta, cercano di instaurare un piccolo dialogo, anche se in fondo non ne provo alcun bisogno.

Personalmente non dimostro un bell’aspetto, e non mi meraviglio certo se parecchi si limitano a voltarsi dalla parte opposta, ignorando ogni mio gesto ed ogni mia parola; so perfettamente cosa voglia dire perdere del tempo con qualcuno, anche se tutto ciò, secondo il mio parere, non ha poi alcuna importanza. Forse alcuni mi riconoscono, hanno un moto di fastidio nel mio appiccicoso avvicinarmi, ed è forse proprio questo che a me più di tutto mi diverte.

Poi incontro questo tizio che mi dice di nutrire una certa simpatia per il mio comportamento, ed io lo lascio dire per un attimo, disinteressandomi subito dopo delle sue parole e proseguendo come sempre il mio cammino lento. Ma quello insiste, mi segue, dice che assolutamente appaio una figura dai modi di epoca passata, ed è proprio questo personaggio che va salvaguardato, elemento di grande interesse nel panorama triste ed egoistico attuale. Naturalmente mi schernisco, cerco di spiegargli che non c’è da scomodare tutta questa grande e presunta messinscena, con un sorriso e con un gesto faccio presente che non è niente, forse soltanto solitudine, necessità di un piccolo contatto poco impegnativo. Ma quello va ben oltre, dice che non ha mai visto una cosa di quel genere, e che la mia intuizione mostra qualcosa ormai disarticolato in tutta la realtà.

Mi viene dietro, insiste con le sue argomentazioni, alza la voce in modo che anche altri intorno siano investiti con le sue parole da quanto lui dice abbia scoperto nella mia interpretazione delle cose. Continuo a camminare ignorando il più possibile questo tizio che mi segue, arrivo addirittura a soffermarmi davanti alla vetrina di un negozio per mostrare la distanza che intercorre tra me e tutti i suoi discorsi, ma quello va avanti ed insiste ancora a cercare spiegazioni sempre più complesse e sofisticate della società al cospetto dei miei comportamenti, che adesso sembra riescano, secondo il suo parere, ad incrinare le abitudini più abiette e ormai consolidate.

Inizio a correre, alla fine, e volto rapidamente dentro una stradina, talmente poco frequentata che quando mi giro siamo soltanto in due, ed è proprio in quel momento che con la poca forza che riesco a trovare nelle mani, gli offro uno schiaffo in piena faccia. Quello si impietrisce, mi guarda con occhi increduli, ed è allora che tiro fuori il mio orologio, per sapere davvero che ore siano.

Bruno Magnolfi

Ora esatta.ultima modifica: 2016-08-02T18:17:14+02:00da magnonove
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *