Poca fiducia nelle proprie personali possibilità.

Cammino in mezzo a queste bancarelle del solito vecchio mercato di quartiere. Nessuno mi nota, fortunatamente, ed io intanto sfioro con le dita della mia mano la piccola canna lucida e fredda di questa pistola ad un solo colpo che tengo dentro la tasca della mia giacca. So difendermi, penso con convinzione, da tutta questa gente che mi gira intorno freneticamente; posso farlo in qualsiasi momento, senza assolutamente alcun tipo di problema. E’ vero, posso sparare soltanto una volta, ma è già sufficiente, basta soltanto che qualcuno si avvicini a me in maniera aggressiva, o violenta, magari mostrandomi i denti come fosse un cane, per fargliene passare la voglia.

Non ce l’ho con nessuno, certo, per me anzi vanno tutti benone, tutti coloro che si fanno tranquillamente i fatti propri, e che girano in mezzo ad un mercato soltanto per osservare la merce e le bancarelle che ci sono, per starsene un po’ in giro tra questa gente, e svagarsi la mente insomma; ma non volto certo la testa da un’altra parte se qualcuno inizia come niente ad infastidirmi, a prendermi in giro, a ridere magari di questo cappello, della mia espressione, o della giacca scolorita che indosso. So badare a me, nessuno può permettersi delle libertà nei miei confronti.

Poi mi fermo di fianco ad una donna: sembra impegnata nello scegliere qualcosa in mezzo ad una montagna di tante altre cose rovesciate a caso sul piano di un semplice carretto. Buongiorno, le dico, ma lei non risponde niente, come se non mi avesse neppure sentito. Anzi, subito si sposta, e poi riprende in mano una vecchia busta di plastica che teneva infilata ad un braccio, e dopo aver frugato dentro, si porta alla bocca qualcosa, un pezzetto di pane, o comunque del cibo, immagino. Provo un istinto come quello di tentare di aiutarla, oppure di essere comunque gentile con lei, e così torno ad insistere: buongiorno, le ripeto, e quella donna allora si volta, mi guarda con apparente attenzione, ma è come se guardasse proprio da un’altra parte.

Mi muovo, lei mi viene dietro, forse è curiosa, penso, ma adesso ha l’espressione perplessa, come se attendesse chissà cosa da me. Mi sposto verso il margine del mercato, poi intravedo tra le tende di stoffa una specie di vicolo traverso, e subito mi ci dirigo. Lei è dietro di me, mi guarda, forse prevede qualcosa, anche se non sembra provare un vero interesse, e mentre si muove prosegue a portarsi alla bocca pezzetti di qualcosa pescato nella sua busta. Adesso io sono fermo, noi due siamo soli, ma non so neppure perché siamo qui, che cosa sia meglio che faccia, anche se sono certo che vada presa al più presto una precisa decisione, perché non è il caso di lasciare tutto quanto sospeso per troppo tempo.

Lei sembra percepire all’improvviso questo mio nervosismo, sposta il peso del corpo da un piede a quell’altro, e cerca di chiudere definitivamente la sua busta di plastica producendo uno sgradevole scartocciante rumore. Così tiro fuori la mia pistola e mimo subito il gesto di sparare contro di lei. Immagino che questa donna adesso possa urlare, cercare di fuggire, assumere un’espressione terrorizzata, svenire addirittura, e invece non fa proprio niente di tutto questo. La guardo, lei è immobile, cerco dentro di me delle risorse che forse non ho, e poi ripongo lentamente la mia arma dentro la tasca, mentre sento che il mio dito sopra al grilletto sta tremando ancora nervosamente. Mi volto, me ne vado, e con la coda dell’occhio vedo che anche quella donna sta venendo via dietro di me. Sarà per un’altra volta, penso con calma maggiore, non ci sono problemi.

Bruno Magnolfi

Poca fiducia nelle proprie personali possibilità.ultima modifica: 2015-06-18T18:52:10+02:00da magnonove
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *