Giganti nell’ombra.

            

            Resto immobile in preda alla paura. Non so neppure cosa sia che continua a terrorizzarmi, forse soltanto l’incapacità a comprendere: immaginarmi le forme che si profilano nel buio, l’impossibilità a raccogliere persino le più minute informazioni su ciò che potrà avvenire nei prossimi momenti.

            E’ come se la realtà si piegasse ad una logica senza significato, oppure come se io fossi del tutto inadatto a comprenderla. Fingo di prendere la giacca per uscire, ma so che resterò dentro al mio appartamento, ne ho piena coscienza, anche se l’incertezza mi prende, mi lascia continuamente sull’orlo delle decisioni, sempre in bilico tra il presente e ciò che potrà essere tra poco.

            Mi siedo, muovo la seggiola per sentirne il rumore sopra al pavimento, per tentare un’azione che produca una scia positiva, ma riesco soltanto a provare un brivido ulteriore dato dall’inutilità evidente di qualsiasi gesto io possa compiere.

            Gli uomini della città mi appaiono giganti, capaci di decisioni perfette, prese senza indugi e con lucidità durante la loro splendida giornata.

            Bruno Magnolfi

Giganti nell’ombra.ultima modifica: 2012-10-24T20:28:29+02:00da magnonove
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *