Piccole immagini.

Ci sono certe volte che mi piazzo fermo lungo la strada ad osservare le persone che passano da queste parti. Mi sembrano generalmente tutte impegnate in qualcosa, come se avessero da sbrigare degli affari importanti. Io normalmente non ho niente da fare, se non immaginare delle altre persone che stanno già aspettando queste qua, e che nell’attesa osservano il loro orologio, si muovono nervosamente, riflettono seriamente sul dubbio di starsene o meno soltanto sprecando dei minuti preziosi. Poi si salutano, giusto due parole di circostanza, e subito dopo vengono al sodo, intavolano immediatamente le motivazioni che li hanno spinti fin lì, si affannano anzi a spiegare interrompendosi a vicenda quanto hanno da dire. Parlano, vanno a gruppi di due o tre a prendersi un caffè dentro un locale, e si sorridono, sono perfettamente a loro agio, sicuri di loro stessi e di essere persino vestiti in maniera adeguata a quell’occasione.

In seguito io riprendo il mio bastone, mi alzo con calma dalla panchina, ricomincio come sempre a camminare claudicando dolorosamente per andarmene chissà dove. Forse di questo bastone potrei anche fare a meno, ma credo mi dia un tono, una personalità, e lo preferisco, piuttosto che zoppicare vistosamente come per un’improvvisa distorsione ad una caviglia o per un taglio doloroso procuratomi chissà come sotto ad un piede. In questo quartiere sono per tutti lo zoppo, ed in molti riescono a sopportare la mia vista senza neppure sorridere, altri al contrario mi guardano con un briciolo di pena, ed altri ancora mi ignorano del tutto, nonostante io faccia qualsiasi cosa affinché si noti la mia disabilità.

Ho anche degli amici, o meglio delle conoscenze, che mi salutano chiedendo sempre come mi vada. Danno un’occhiata distratta alla mia gamba offesa, ma credo non si riferiscano a quella, quanto alle piccole cose delle quali sanno che amo occuparmi. Dipingo, questo è il punto, o meglio compongo dei minuti disegni in bianco e nero, quasi microscopici a volte, in cui cerco di raffigurare la realtà che riesco a vedere. Prendo dei brevi appunti, degli schizzi a matita, e quando torno a casa invece uso dei pennini speciali che mi permettono di elaborare complesse linee sulla grana della carta, organizzando una specie di francobolli che devo dire hanno anche un certo successo. Ma in fondo questo è solamente un mio passatempo.

Anzi, la mia vera attività ritengo sia quella di perdere tempo. Per questo aumento in ogni mia espressione il dolore che provo nel camminare, proprio per permettermi di rallentare, di fermarmi spesso, di impiegare una grande quantità di tempo per affrontare brevi spazi di marciapiede. Certe volte qualcuno che neppure conosco mi chiede di lasciarmi aiutare, e allora io mi fermo, tiro su lo sguardo, sorrido, pur trattenendo un briciolo di quell’amarezza che evidentemente la mia condizione comporta. Poi rispondo, con un senso di dispiacere, che non importa, sottintendendo così quanto la gente come me sia destinata solo a soffrire, e che questo è giusto farlo da soli, senza dividere la pena con altri che in genere riescono ad assumere in questi casi soltanto un comportamento affettato. Infine torno a casa, lascio il bastone fuori dalla porta, tiro fuori le mie bozze ed inizio a tradurle su carta di cotone con i miei pennini alla china. Non so cosa altro io possa fare, penso quando rimango da solo, se non starmene qui seduto a riflettere sulle piccole immagini che noto in tutte le persone che incontro.

Bruno Magnolfi

Piccole immagini.ultima modifica: 2015-06-08T20:35:04+02:00da magnonove
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *