Un luogo non solo per me.

           

            Certe volte immagino di starmene qua, in questa piccola stanza senza finestra, e nel debole chiarore di una lampadina gialla e un po’ fioca, raccogliere i pensieri che più mi tormentano. Lo so che fuori da qui mi prendono in giro, dicono di me che sono ritardato, ma a me non importa, sono sempre stato così, non saranno certo gli altri con quei loro stupidi e strampalati discorsi a farmi cambiare. Però tutti mi lasciano sempre da solo, non vogliono mai che io stia con loro.

            Su una parete, in questa stanza, c’è qualcosa che mi rende un po’ inquieto, un disegno, un cartone colorato attaccato ad un chiodo. Non si capisce cosa si sia cercato di raffigurare, si vede distintamente il profilo di una persona, ma il segno non è stato preciso, e tutto è confuso, come una macchia di tanti colori scuri e indistinti. Mi piace osservare il cartone attaccato sul muro, è come se ogni volta che torno a guardarlo ci trovassi dentro qualcosa di diverso, quasi il disegno stesso cambiasse ogni volta. Sono attratto da quello che vedo, ma ne ho anche paura, volto lo sguardo, ma poi torno immancabilmente con gli occhi verso il disegno.

            In questa piccola stanza non si sente neppure un rumore, neanche una voce, soltanto qualche scricchiolio che ogni tanto esce da un angolo ingombro di vecchi giornali. Qui dentro ci posso entrare ogni volta che voglio, senza preoccuparmi di niente, chiudo un attimo gli occhi e sono subito qui, alla faccia di tutti coloro che hanno sempre da dire qualcosa di me e dei miei modi. Loro non lo sanno che io ho la mia stanza dove venire a pensare, credono che io sia uno qualsiasi, e invece non si rendono conto che prima o poi riuscirò a capire il disegno e a uscire da qui con le idee tutte in fila, le riflessioni più giuste di tutti.

            Se qualcuno di quelli che mi prendono in giro mi portasse qualche volta con sé, mi lasciasse parlare, mi ascoltasse davvero, forse racconterei del disegno, del cartone attaccato sul muro e della stanza dove spesso mi trovo. Ma a nessuno interessa mai niente di me, sembra sempre che la mia presenza dia noia, provochi soltanto disagio e bisogno di prendere in giro. Non lo so, certe volte mi pare che l’unico posto per me sia la stanza dove alcune volte mi piazzo, ma c’è sempre quel cartone con la persona disegnata che mi spinge prima o poi fuori da lì. Io cerco di resistere, guardo il disegno, tento di superare quella paura che mi prende, ma poi tutto sparisce, torno alle mie solite cose, anche se sento che già mi manca quel senso di completezza che provo soltanto qui dentro.

            Prima o poi, ne sono sicuro, riuscirò a capire chi è la persona che è stata raffigurata su quel cartone: forse sta proprio lì tutto l’enigma della mia stanza e del resto. Sono sicuro che riuscirò presto a scoprire tutto quanto quello che serve, lo dirò a tutti, e forse qualcuno di loro mi seguirà per riuscire a vedere quello che sarò riuscito finalmente a capire, ed allora dovranno ricredersi, rimarranno sicuramente stupiti, e così, una volta per tutte, cambieranno la loro opinione.

            Bruno Magnolfi

Un luogo non solo per me.ultima modifica: 2011-08-09T20:34:56+02:00da magnonove
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *