Frammenti scomposti

“Potresti dirmi che è sciocco, da parte mia, cercare la verità in quello che dici. Ma non è questo. Quello che scalfisce la nostra relazione è il fatto che tu non dica niente, che lasci dei silenzi, dei vuoti tra di noi che non vengono mai riempiti…”, disse lei. Lui si guardò attorno, come prendendo una pausa di riflessione. C’erano molte nuvole in cielo quel giorno, i tetti delle case apparivano umidi, le panchine del belvedere erano deserte, là sopra si vedevano soltanto loro due. Poi disse: “Qualsiasi cosa per te non sarebbe sufficiente, e se anche lo fosse basterebbe per dieci minuti, una mattinata, al limite per qualche giorno, poi tutto tornerebbe come prima…”.

Si alzò dalla panchina, si accese una sigaretta, si guardò ancora attorno distrattamente, si vedeva che era in imbarazzo, forse che non avrebbe voluto neppure essere lì, ma accettava il gioco come chi sa valutare il peso delle cose. “Forse hai ragione…”, disse lei a cui non piaceva mettere gli altri a disagio, specialmente lui; “Spesso sono troppo apprensiva, mi sembra continuamente che tutto mi sfugga di mano per quanto cerchi di stringere a me le poche cose che sono riuscita ad avere nella vita…”. “Ecco…”, disse lui senza guardarla, “Continui a dividere le cose e le persone tra quelle che ti appartengono e le altre, senza invece cogliere le parti belle o più interessanti che ti passano vicino, magari mescolate alle cose di ogni giorno …”.

“Però devi riconoscere che con te riesco ad essere molto misurata…”, lo interruppe lei. “Ci vediamo soltanto quando lo decidi tu; ci sentiamo per telefono solo una volta o due alla settimana: a me sembra di stare anche troppo nell’angolo ad aspettare che ti prenda la voglia di interessarti a me”. “Questo è vero”, disse lui. “Ma non potrebbe essere in altra maniera; le nostre giornate sono complesse, siamo continuamente risucchiati da altre cose, altri interessi; vedersi, per me e per te, è diventata un’oasi di frescura nel caldo torrido del deserto; una pausa nella frenesia delle cose da fare”. “Vuoi dire che con questo poco tempo non possiamo neanche permetterci di dire tutto, di essere sinceri?”. “Certo…”, riprese lui; “Non vale neanche la pensa di provarci, perché è un proposito assurdo, una sfida persa in partenza. L’unica possibilità che resta è immaginare tramite i pochi elementi a disposizione quello che per forza di cose non possiamo dirci. Possiamo scambiarci dei frammenti, niente di più. Ricostruire tutto il quadro è lo sforzo mentale e affettivo a cui siamo chiamati…”.

Lei si alzò in piedi, si avvicinò al parapetto come assorbita improvvisamente da qualcosa che aveva visto. Poi si volse verso di lui. “La nostra intesa quindi farebbe da collante per tutti i frammenti che ci scambiamo?”. “Esatto”, disse lui dopo una boccata di fumo della sua sigaretta, ed è un equilibrio di cose che gestiamo solo tu ed io…”. Si avvicinarono lentamente, e lei si lasciò abbracciare, come a suggello di quel ritrovarsi; lui le sfiorò il viso con la mano, poi la baciò, con dolcezza. Lei guardò l’orologio, disse: “Dobbiamo andare…”, con un filo di voce, quasi sussurrando. Così si salutarono in un attimo, come sempre senza dirsi quando e dove si sarebbero rivisti, e ognuno di loro con gesto nervoso rientrò velocemente dentro la sua auto, pronto per raggiungere ognuno la sua casa e il proprio coniuge.

Bruno Magnolfi

Frammenti scompostiultima modifica: 2010-03-22T14:53:44+01:00da magnonove
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *