Spontaneità.

 

Mi sono sforzato, dice lui all’altro. Ho cercato dentro di me tutto quello che avevo da offrire. Certo, qualche volta mi sono anche lasciato andare completamente, ma poi ho sempre ritrovato in fretta tutta la lucidità che serviva per riuscire ad essere il più possibile profondo, sincero, all`altezza. Però con lei non è mai stato facile, dice ancora. Quella ti brucia l’anima, ti consuma cosi alla svelta che quasi non te ne accorgi, e riesce anche a leggerti dentro certe volte, e ad anticipare i tuoi pensieri, perfino i tuoi sentimenti. Non so, forse dovrei lasciarla, dice ancora lui.

Magari non è neppure questa la soluzione migliore, lo interrompe l`altro. Devi trovare il modo per renderla inoffensiva, toglierle un po’ di quel potere che sembra ancora avere su di te. Devi trovare la maniera per essere te stesso, senza finzioni, e contemporaneamente farle sentire l’importanza della tua persona nella sua vita. Poi ambedue restano in silenzio, le braccia incrociate sul petto, lo sguardo perso lungo le piccole onde che il fiume cittadino forma dopo aver attraversato i piloni del ponte.

Mi piacerebbe riuscire a vederla su un piano di forze paragonabili tra noi, dice lui, purtroppo lei quasi sempre, con una grande facilità, trova in un attimo la maniera per essere quella che determina, che definisce, che domina, insomma. A me pare continuamente di arrancare cercando di stare al suo passo, anche se non trovo altra maniera per continuare a vederla, e certe volte cerco anche di dirglielo, di farle presente come il suo comportamento non sia perfettamente corretto.

L’altro lo guarda, probabilmente adesso ha il quadro completo, ma non dice niente. Riprendono a camminare con passo lento lungo la spalletta, gli sguardi persi in avanti, le teste piene di pensieri in fondo poco chiari. Credo che dovresti allontanarti, fa l’altro senza preoccuparsi troppo di quello che dice. Evitarla, con i modi e per tutto il tempo che serve, quasi senza voltarti mai indietro. Forse hai ragione tu, fa lui, però così non vince nessuno, al massimo si sfalda poco per volta tutto quello che con fatica abbiamo cercato di costruire, e non arriviamo neppure a mettere a punto un’alternativa seria allo scatafascio che si è ormai determinato.

Allora non so, fa l’altro: con quanto se ne possa parlare non vedo proprio quale possa essere la soluzione migliore. Segue un silenzio vagamente imbarazzato ma anche piuttosto opprimente. Forse è proprio questo il punto, fa lui all’altro. Forse le cose vanno lasciate esattamente come sono. Bisogna soltanto prendere coscienza di come sono diventate poco per volta, ed accontentarsi, nient’altro. E poi, quando sappiamo come stanno perfettamente tutte quelle cose, riprendere ad essere spontanei e così tornare a vivere.

Bruno Magnolfi

Spontaneità.ultima modifica: 2013-04-11T22:00:43+02:00da magnonove
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *