Pazienza innata.

Mia sorella credo sia la persona migliore del mondo. Certe volte per dire la verità non mi tratta molto bene, anzi mi sgrida, muove le braccia, mi dice urlando delle brutte parole, e poi spesso aggiunge subito come dovrei comportarmi secondo il suo modo di vedere le cose. Ma dopo poco le passa ogni sfuriata, ed in seguito riesce sempre a neutralizzare tutto quanto, persino il disordine che quei confusionari dei suoi figli piccoli sono capaci di lasciare per tutta la casa dietro di loro; e poi bisogna anche dire che è brava, indubbiamente, ed è sempre pronta a metterci a tavola tutti e in silenzio, con le sue minestre belle calde e abbondanti.

Certe volte esco, specialmente durante le mattinate che mi sembrano sempre un po’ troppo lunghe. Cammino in avanti da solo, senza fermarmi, quasi senza fare caso a ciò che c’è intorno, fino ad arrivare alla piazza. Ci sta sempre qualcuno lì che discute, che tenta di parlare a gran voce degli argomenti più disparati, perciò, senza neanche guardare in faccia nessuno, io mi metto da una parte ed ascolto quello che le persone presenti hanno da dire. Non c’è niente di male, penso mentre mi stringo una mano nell’altra, se cerco semplicemente di starmene qui seduto su una di queste panchine, fermo senza dare fastidio, ad ascoltare qualcuno che spesso riesce anche ad accalorarsi su un argomento o su un altro. Mi trattengo poco, di solito, una mezz’ora circa al massimo, perché veramente non vorrei farmi notare troppo da queste persone, e così, mentre poi me ne torno verso la casa di mia sorella, mi fermo dal fornaio quasi ogni volta a prendere un filone di pane. Soldi con me non ne ho, il negoziante però mi conosce e lo sa, e sa che in seguito passerà da lì mia sorella a regolare le cose, e per me va bene anche in questa maniera.

Qualcuno giù in piazza mi ha chiesto un giorno come mai mi lascio trattare in questa maniera, ma con me sono discorsi senza alcun seguito: sorrido, alzo le spalle, in certi casi fingo addirittura di non capire, così a nessuno viene in mente di insistere. Sono un timido, penso, qualsiasi cosa preferisco tenerla per me, così passo sempre per uno che non riesce neppure a parlare, ed in questo modo nessuno insiste nel darmi fastidio. Uno di questi giorni spiegherò davvero a qualcuno che me lo chiede tutto quello che penso; probabilmente muoverò attorno le braccia come fa mia sorella, dirò a tutti che in giro c’è sempre una gran confusione, che è ora di finirla, non si può ancora accettare passivamente delle cose del genere.

Dobbiamo cambiare, ecco quello che avrei tanta voglia di dire; cercare di essere migliori di come siamo: smetterla di accapigliarci per delle cose insignificanti. C’è una sostanza più importante di qualsiasi altro aspetto, che a volte ci sfugge, che sembra un elemento del tutto secondario, mentre non è affatto così. Quando torno verso casa di mia sorella, con il mio pane incartato sotto ad un braccio, so che qualcuno si sta preoccupando per me, e che anche stavolta mi piazzerò seduto alla tavola insieme a tutta la nostra grande famiglia, per apprezzare quella minestra che è stata preparata per tutti, sempre in silenzio, senza dare fastidio a nessuno. Sono ancora disposto ad essere sgridato, rifletto alla fine, forse lo merito; ma so per certo che cercherò di migliorare, di togliermi di torno questi difetti che so perfettamente di avere. E poi guarderò un’altra volta mia sorella, e apprezzerò nuovamente tutta quella pazienza che riesce ancora ad avere con me.

Bruno Magnolfi

 

Pazienza innata.ultima modifica: 2016-05-31T21:40:45+02:00da magnonove
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *