La forza della ragione.

Oggi non è aria, fa il mio amico sottovoce appena entro nel bar. L’altro dice subito a voce alta che è molto meglio se ci leviamo dai piedi tutt’e due, altrimenti potrebbe anche succedere qualcosa di poco bello. Nel locale ci sono soltanto due o tre tizi in un angolo che si fanno i fatti loro. Io resto in piedi vicino alla porta, abbondantemente incerto sul da fare, il mio amico invece si gira, si avvicina al banco con aria strafottente e chiede al barista una birra media, mentre l’altro prosegue da solo con concentrazione a fare dei tiri sapienti sul biliardo.

Alla fine mi avvicino al banco, il mio amico mi guarda per un attimo, io lo imploro con gli occhi di ordinare da bere anche per me, ma tutto resta fermo, e lui adesso sembra interessarsi soltanto delle etichette di liquore davanti alla sua faccia. L’altro alza la stecca, appoggia a terra il calcio e muove giusto un passo nella nostra direzione, guardandoci con sfida.

Calma, dice il barista, intuendo qualcosa che forse a noi era sfuggito. Comprendo che ci deve essere appena stata una bella discussione tra il mio amico e l’altro, ma non riesco ad afferrare quale sia potuto essere il motivo. Dico a voce alta che forse mi va di fare un paio di tiri sopra a quel biliardo, tanto per smuovere un po’ le acque, ma a dire la verità nessuno mi dà retta, così a me non resta da far altro che avvicinarmi al tavolo staccando una stecca dalla rastrelliera, ed iniziare con lentezza a dare il gesso sulla punta.

Credo che tu non abbia capito, mi fa l’altro. Il mio amico intanto si volta per guardarci, io mi sento forte della sua assistenza, così stendo la mia stecca e tiro un rimpallo senza storia. Poi rimetto a posto tutto quanto, come se avessi fatto la mossa più importante della vita, e vado a buttarmi seduto su una seggiola di plastica lì accanto.

Il mio amico mi fa segno con la testa che adesso dobbiamo proprio andarcene, ma io mi sento bene, non vedo quale possa essere il problema, così resto seduto, guardo avanti a me le buche e il panno verde, come seguissi una partita immaginaria. L’altro ride: vuoi giocare, fa senza guardarmi. Io lo ignoro, e mi pare sia arrivato già il momento giusto, così mi alzo lentamente forzando sui braccioli, e senza tornare a riguardarlo vado verso l’uscita del locale. Mi accosto al mio amico proprio quando l’altro si fa avanti verso di noi con la sua stecca nella mano: ehi, mi fa, ho parlato con te. Lascialo stare, dice il mio amico con un tono che pare riferirsi anche a chiunque altro nei dintorni. L’altro gli appoggia una mano sulla spalla e poi lo spinge fuori, ma il mio amico dapprima fa un po’ di resistenza, poi si volta di scatto e gli dà uno schiaffo sulla faccia.

L’altro reagisce e gli affibbia un pugno debole sulla stessa spalla, facendo cadere la sua stecca senza neanche preoccuparsene. Io fo quasi uno scarto, raccolgo la sua stecca, la prendo per la parte della punta e lo minaccio, ma senza dire niente. Stai scherzando, mi fa l’altro; avanti, da bravo, restituiscila, dice, e intanto allunga il braccio. Lo colpisco inaspettatamente sulla mano con una botta secca, e quello cade subito a terra dal dolore: probabilmente gli ho fratturato il polso, penso, poi getto il legno da una parte, quasi con disgusto.

Non voglio casini qua dentro, fa il barista a voce alta uscendo dietro al banco. Filate via voi due, e dimenticatevi di tornare qui. L’altro si rialza reggendosi la mano in una smorfia di dolore, e mi assesta una pedata in una coscia, mentre il barista cerca come può di trattenerlo; io e il mio amico usciamo in fretta da là dentro, senza stare neanche a chiederci null’altro.

Abbiamo fatto bene, fa il mio amico mentre saliamo in macchina: quando c’è lui questo bar sembra tutto suo, forse non si è neppure reso conto che noi quando vogliamo siamo una forza.

Bruno Magnolfi

La forza della ragione.ultima modifica: 2014-05-19T20:52:51+02:00da magnonove
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *