Meravigliosa semplicità.

Certe volte lei si sente disperata. Non perché abbia un motivo preciso per sentirsi così. Al contrario, è proprio perché non ha nessuna vera ragione per cui soffrire. Si sente svuotata di tutto, ecco, come se non avesse motivi neppure per tirare avanti. Durante qualche pomeriggio, nel corso della settimana, si vede con sua cugina, passeggiano, vanno a sedersi dentro un caffè, e spesso rimangono lì a parlare e a sfogarsi ognuna dei propri guai, ma lei non tira mai fuori la cosa che la affligge di più. Pur consapevole che non si possa stare così come sta lei, però soltanto parlarne le parrebbe un’assurdità, in questa maniera prosegue a far finta che in fondo tutto vada abbastanza bene, lamentandosi solo delle sciocchezze di cui si lamentano sempre tutti.

Sua cugina a volte la guarda in silenzio, è probabile sospetti qualcosa, che lei nasconda una personalità contorta dietro ai suoi discorsi ordinari, per esempio; una volta le ha chiesto addirittura se si sentiva un po’ giù, deducendo forse qualcosa dalla sua aria svogliata, dai suoi modi distanti. Poi, quella volta, dopo alcuni convenevoli, lei ha detto a sua cugina che non c’era da preoccuparsi, le cose andavano bene, ed anche se ultimamente si ritrovava  spesso a pensare con perplessità al suo futuro, sapeva dentro di sé che tutto era a posto, i suoi piccoli affanni si sarebbero sicuramente risolti. Rimasta da sola, al contrario, ha subito avuto voglia di piangere, e le sue mancanze le sono sembrate ancora una volta estreme, senza alcuna speranza.

Per questo, con delle scuse, ha cercato in seguito di diradare sempre di più le sue uscite con sua cugina. Preferisce starsene da sola come per prepararsi ogni giorno ad affrontare il giorno seguente. La finzione mi deprime ancora di più, pensa adesso, molto meglio evitare. Così cerca di uscire poche volte in piena solitudine, e gira in mezzo alla gente e non tenta neanche più di confrontarsi con gli altri che incontra per strada. Riconosce il suo presente come elemento senza speranza, tira avanti quasi per inerzia, senza preoccuparsi di altro.

Poi entra dentro al solito caffè, si siede, e riconosce come sempre che non c’è via d’uscita. Ma arriva sua cugina all’improvviso, si siede di fronte a lei e le dice senza perifrasi che non le va di lasciarla andare in giro da sola. La guarda: ho capito il tuo cruccio, le dice; per me non c’è alcun bisogno di altro: saprò starti vicina tutte le volte che ce ne sarà la necessità, e quando ti sarò di peso non avrai da far altro che dirmelo.

Lei sente che tutto sta come prendendo una piega che non si era aspettata, guarda negli occhi sua cugina, sorride, forse si tratta soltanto di lasciarsi un po’ andare, pensa; di allentare quei freni che è sempre stata capace soltanto di tenere tirati. Lascia che l’altra le prenda la mano, in silenzio, sente che qualcosa di estremamente importante per loro sta avvenendo, senza che nulla di forzato le abbia portate fino a quel punto. Forse davvero tutto quanto può essere anche diverso, pensa adesso; forse non c’è alcuna necessità che io pensi a domani come ad un’altra giornata di solo grigiore. C’è il presente che assume valore, e la mia disperazione improvvisamente si stempra così, con una semplicità meravigliosa.

Bruno Magnolfi

Meravigliosa semplicità.ultima modifica: 2014-03-05T20:17:52+01:00da magnonove
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *