Invisibile.

Ho passeggiato lungo le strade del quartiere, mi sono seduto su una panchina, ho pensato che la giornata era bella. Poi mi sono reso conto, una volta di più, che spesso ogni mio gesto appare inutile, insignificante, e che sempre più volentieri vorrei farmi piccolo, fino a sparire in qualche angolo dove a nessuno verrebbe mai voglia di cercarmi.

Infine mi sono alzato da lì, ho pensato di proseguire la mia passeggiata voltando le spalle a tutte quelle mie idee, e ciò è accaduto proprio nello stesso momento in cui lei, la sconosciuta intrigante, è arrivata a sedersi sulla mia stessa panchina ormai libera.

Mi sono allontanato, in fondo del tutto inconsapevolmente di quanto stava realmente accadendo, proprio mentre lei ha aperto un libro con grande indifferenza, ed ha iniziato anche a leggerlo. Camminando ho proseguito a riflettere sulla mia incapacità ad essere realmente come vorrei, quando mi sono accorto di aver lasciato sulla panchina il giornale che in genere porto sempre con me.

Sono subito tornato sui miei passi, ed ho trovato la sconosciuta seduta intenta alla lettura, così le ho detto buonasera, lei ha risposto con cortesia distaccata, ed io con calma ho spiegato il motivo che mi ha riportato fin lì. Lei è apparsa subito incredula, però ha sorriso, ben consapevole di come non ci fosse alcun giornale sulla panchina dove continuava a rimanere seduta.

Mi sono sentito perplesso, ho guardato ancora un po’ in giro, ed infine, visto che non mi rimaneva altra possibilità, ho detto con un certo sforzo che la mia era soltanto una scusa per parlare con lei. Lei ha subito sorriso ancora una volta, ma con affettazione, ed infine ha rituffato gli occhi nel libro, come a spiegare che il tempo a mia disposizione era ormai definitivamente scaduto.

Mi sono allontanato, lei ha proseguito ad ignorarmi come fossi del tutto invisibile, anche quando, con un certo impaccio, sono tornato nuovamente indietro per dare ancora un’occhiata, e rendermi conto se magari il mio giornale fosse soltanto stato spostato dal vento. Ma in un lampo, mentre mi avvicinavo a pochi centimetri da lei, ho ricordato d’improvviso che il quotidiano era rimasto nella mia casa: adesso rammentavo perfettamente il tavolo dove lo avevo lasciato appoggiato, ed alla fine di tutta questa faccenda non ho creduto assolutamente di avere più scuse per trattenermi ancora lì nei dintorni.

La sconosciuta comunque, senza neppure tornare a guardarmi, si è alzata dalla panchina e se n’è andata. Ho continuato a guardarla a lungo mentre si allontanava con un’aria leggermente scocciata, ed ho sentito di nuovo dentro di me la voglia di sparire del tutto; infine anch’io mi sono avviato: ho pensato alla fine che troverò pure un angolo, prima o dopo, dove riuscire a nascondermi.

Bruno Magnolfi

Invisibile.ultima modifica: 2014-02-19T20:49:06+01:00da magnonove
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *