Il collezionista

           

            Sono un collezionista, inutile negarlo. Ho memorizzato i gesti, le espressioni, i modi di comportarsi e di parlare di decine di persone, e le ho condensati dentro di me, restituendo quasi inconsapevolmente, in ogni momento della mia giornata, una raccolta completa di tutto questo mio lavoro. In tanti anni ho sempre cercato di perdere del tutto le mie caratteristiche più personali, ed ho lasciato spazio a tante altre cose da cui, in un periodo o in un altro, sono rimasto colpito, o che ho semplicemente visto fare o dire da qualcuno. Adesso nessuno di quelli che a volte incontro si accorge di niente, è soltanto una cosa che ha valore per me quella che continuo a portare avanti, e che naturalmente conosco soltanto io, però mi sembra di avere in questo modo un grande rispetto per tante persone che prima o poi sono riuscito a conoscere, e qualcuno di queste magari l’ho visto appena una volta o due, anche se in fondo io cerco semplicemente di memorizzare e di interpretare in qualche maniera soltanto un piccolo frammento dei modi di essere di ciascuno.

            Non ho mai potuto spiegare bene tutto questo perché mi hanno sempre fatto davanti le solite espressioni divertite, prendendomi per uno che probabilmente non ci sta con la testa. Ed invece io qualche volta ho proprio cercato al contrario di spiegare quanto cervello ci volesse per fare una cosa come la mia. Ma non c’è stato niente da fare, e quando ho iniziato a mimare certe piccole espressioni che ho visto fare a più d’uno, ecco che hanno subito pensato che fossi proprio uscito di senno. Il mio è un lavoro da attore, ho detto a voce alta qualche volta, ma nessuno mi ha dato retta, e mi hanno sempre lasciato da solo, ignorato da tutti, a portare avanti il mio nobile lavoro.

            Ho sempre seguito la mia vocazione, per nessun motivo ho pensato di smettere e di lasciare che gli altri iniziassero a guardarmi come una persona qualsiasi. Non perché non volevo esserlo, questo è il punto; quanto perché la mia normalità sta condensata nei gesti e nelle espressioni di tutti, che io ho recuperato per dare ad ognuno perfino una maggiore importanza. Ma perché continuo a spiegarlo ancora, mi chiedo; è bene lasciar perdere, tanto più che mi sento sempre più evitato, e alla fine la mia testardaggine non porterà certo a niente di buono.

            Così esco, vado al caffè, strizzo gli occhi come fa il barista, ma non cerco più di dirglielo, altrimenti mi intima di non entrare più nel suo locale. Allora mi guardo attorno, mi accosto ad un tavolo dove stanno portando avanti una partita a carte. Qualcuno fa una smorfia e mi dice di allontanarmi, perché teme gli porti soltanto sfortuna, ed io lo accontento subito annuendo con la medesima smorfia che mi ha fatto lui. Cosa importa se mi trattano male, penso; alla fine riesco a portare con me qualcosa di loro, senza che neppure se ne accorgano. Mi sento ricco di questo, è come se potessi avere in una tasca tutti loro. Esco dal locale e me ne torno verso casa. Un giorno mi metterò a descrivere in ogni dettaglio i particolari che ho notato nella gente in tutti questi anni. Ne farò un bel libro e poi lo regalerò in giro a quelle stesse persone che me lo hanno ispirato. Sarà la mia rivincita, penso, e forse per allora la mia collezione spero sarà proprio completa.

            Bruno Magnolfi

            

Il collezionistaultima modifica: 2012-12-09T21:05:53+01:00da magnonove
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *