La lingua del mare (in margine a -Bionda, naturalmente-).

Sul mare si osservano terre lontane, con appena un briciolo di fantasia. Rassicura pensare che ci sia qualcosa di migliore oltre la linea dell’orizzonte. La risacca sopra la spiaggia porta fragranze di qualcosa che non conosciamo, e quell’orlo bianco delle onde che giungono a riva, è come composto da tanti fogli di carta, arrotolati sopra se stessi, colmi di scritture e di messaggi che giungono a parlarci con nuove parole, a spiegarci cose diverse. Sta a noi saper leggere, sforzarsi di comprendere una lingua diversa da quella che usiamo ogni giorno.

Bruno Magnolfi

La lingua del mare (in margine a -Bionda, naturalmente-).ultima modifica: 2010-12-21T21:55:34+01:00da magnonove
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *