Siete tutti dei poveri illusi

I passi misurano la distanza dei pensieri tra loro, e la mente elabora figure geometriche impossibili. La città ruota attorcigliando se stessa attorno a dei punti invisibili, come in un obiettivo dalla messa a fuoco indefinita, e le prospettive delle strade appaiono negate, senza trovare uno sbocco. Le autoambulanze lasciano echeggiare le loro sirene attorno al luogo dell’incidente, i curiosi affollano tutta la via, ai margini si fanno i primi commenti. Qualcosa è accaduto, è l’obolo da pagare al movimento affannoso della folla, la gente nevrotica alla ricerca spasmodica di qualcosa. Si procede, si passa più avanti, non c’è assolutamente bisogno di soffermarsi oltre lo stretto necessario.

L’uomo è da solo nel suo passeggiare senza meta, le persone lo sfiorano, nessuno lo nota, è una figura inesistente nel suo essere fuori da ogni riconoscibile logica. Eppure è un individuo comune: pensa, cammina, si comporta come qualsiasi altro, soltanto ha qualcosa sotto al cappotto che ne fa una persona speciale. Nessun’arma ordinaria, niente che sembri un oggetto offensivo, soltanto un coltellino minuscolo che impugna dentro a una mano, sprofondata nella sua tasca.

Poi si ferma, si avvicina a un portone socchiuso, entra in un andito buio, sale due rampe di scale fino ad arrivare davanti a una porta qualsiasi. Incide velocemente e in silenzio nel legno di un’anta una scritta con quel suo temperino affilato, poi scende rapidamente, ritornando sul marciapiede e riprendendo il medesimo passo di prima. In quel giorno ha inciso decine di volte la medesima cosa, quelle stesse parole:

POVERI ILLUSI

E’ così che il suo astio nei confronti del mondo trova la sua completezza, e nel suo vagare non può fare a meno di comportarsi così, non potrebbe immaginare una cosa diversa, perché lui sa di essere fuori da tutto, e nessuno riuscirà mai ad averlo.

Bruno Magnolfi

Siete tutti dei poveri illusiultima modifica: 2010-08-22T17:06:22+02:00da magnonove
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “Siete tutti dei poveri illusi

  1. E’ solo un ulteriore personaggio che vive ai limiti sociali, che non accetta le regole, che si sente al di fuori della vita degli altri. Persone così non verranno mai a dirci qualcosa di loro stessi, ma esistono, sono tra noi, basta osservarli…

  2. La ringrazio, ora comprendo tutto, e riesco ad essere vicina anche ad un personaggio così. Spesso ci spaventa chi vive diversamenteda noi, dai nostri poveri gesti quotidiani.
    Comprendere e conoscere mondi apparentemente diversi dal nostro, apre il cuore e la mente.

  3. Ho conosciuto persone così, vivono una profonda solitudine, si percepiscono dimenticate, invisibili, e con i loro gesti richiedono ‘attenzione(fanno di tutto per non farsi notate ma sperano in cuor loro che qualcuno sappia e si accorga di loro).
    Grazie d’aver dato visibilità anche a loro.

  4. Ho conosciuto persone così, loro vivono una profonda solitudine, si percepiscono diverse da tutti perchè si sentono invisibili, dimenticate , non notate…a con i loro gesti comunicano una richiesta d’attenzione(fanno di tutto per non essere notate ma sperano in cuor loro che qualcuno sappia e si accorga di loro). Bellissimo racconto

  5. Facile fare commenti così..”GianMaria” e “Nardino”, se non avete niente da dire potete evitare di fare commenti, mica lo prescrive il dottore..e poi anche chi passa di qui solo per fare pubb.licità di se, ritengo che sia una scortesia nei confronti dell’autore, che incontra il lettore, attraverso i commenti, che naturalmente possono essere, discordanti, spassionati, ecc. ma pur sempre costruttivi, evitiamo dunque spot pubblicitari, e commenti strampalati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *